Vai al contenuto principale Promozioni Attive

Approfitta della consegna express e delle confezioni regalo firmate Cartier.
Reso e sostituzione gratuiti entro 30 giorni.
Per consigli personalizzati, contattaci in Svizzera al numero +34900505403.

hj_magnitude_top_banner

GEOMETRIA E CONTRASTI

Geometria e contrasti sono due importanti elementi distintivi dello stile Cartier che si basano, da un lato, sull’architettura elaborata a partire da effetti di simmetria o asimmetria, parallelismi e prospettive e, dall’altro, sulla forza di contrasti cromatici intensi di cui Cartier esalta la presenza.

GEOMETRIA: GIOCHI FORMALI

BRACCIALE, 2014
CARTIER ROYAL

BRACCIALE RED CHROMIE, 2017
ANELLO ORIENPHONIE, 2018

COLLIER ORACLE, 2016

SPILLA, 1904
COLLECTION CARTIER

SPILLA, 1925
COLLECTION CARTIER

ALTRE CREAZIONI DA SCOPRIRE IN BOUTIQUE

Salta il contenuto dello slider
Fine del contenuto dello slider

CONTRASTI CROMATICI

ROSSO E NERO

L’accostamento del rosso e del nero è interpretato in un’ampia gamma di sfumature, dai toni solari del corallo, a quelli luminosi della rubellite o a quelli intensi del rubino. Il nero dell’onice o della lacca sottolinea a sua volta contorni o volumi, delinea effetti d’ombra e scandisce il ritmo.

VERDE E NERO

Comparso negli anni ’10, l’abbinamento del verde e del nero si diffonde di pari passo con le ricerche della Maison sull’essenzialità delle forme e la sobrietà del design. L’onice si impone, sottolinea, dà rilievo, conferisce profondità al punto da diventare un elemento ricorrente dell’epoca dell’Art déco.

Salta il contenuto dello slider
Fine del contenuto dello slider

BLU E VERDE:
LA PALETTE LOUIS CARTIER

Spingendo sempre oltre lo spirito pionieristico della Maison, Louis Cartier impone l’abbinamento del blu e del verde, colori a lungo considerati incompatibili tra loro. Quello da lui definito “motivo pavone” rappresenta oggi una firma cromatica della Maison.

DAI MATERIALI AI COLORI: LA PALETTE JEANNE TOUSSAINT

Agli abbinamenti cromatici più emblematici, Cartier ne aggiunge molti altri, spesso inediti. A partire dagli anni ’30, grazie allo spirito di iniziativa di Jeanne Toussaint allora direttrice creativa, sui gioielli si uniscono pietre fini e preziose. Ametiste, acquemarine, citrini o peridoti si posizionano accanto a diamanti, rubini, zaffiri e smeraldi. Questa passione per il confronto tra materiali è diventata la firma stilistica della Maison.

ALTRE CREAZIONI DA SCOPRIRE IN BOUTIQUE

Salta il contenuto dello slider
Fine del contenuto dello slider
Inizio pagina

Area footer: da qui è possibile iscriversi alla newsletter, navigare il menu di servizio, linkare a siti esterni Cartier, cambiare il paese di navigazione.